a cura di Laura Bottin

27 marzo - 2 aprile 2009

Antonio Salviani nella sua ricerca impegna diversi media espressivi e reinterpreta il loro valore nell’uso quotidiano per arrivare a costruire unpresente altro. L'analisi delle dinamiche di comunicazione e interazione sociale nel contesto metropolitano sono i punti di partenza da cui si sviluppa e prende corpo la sua personale indagine. L’artista, come un moderno flaneur metropolitano, è alla ricerca di gesti. Gesti che nascono nel flusso continuo e incessante di anime nell’apparente uniformità della società urbana monotona e impassibile.
Questi saranno i temi scandagliati da Antonio Salviani all’interno di “Three trees”.

 

Installazioni, oggetti della contemporaneità, pitture e performance audio-video in azione sono medium di transito tra la realtà fisica e la realtà virtuale, tecnologizzata. La pittura, trat-d’union tra l’artista e la realtà, acquista valori nuovi grazie alla commistione dei media tecnologici, in questo panorama l’artista diviene motore, mezzo attivo di visualizzazione e analisi dei codici comunicativi umani.
Una mostra che vuole tracciare una linea d’unione tra le diverse forme della comunicazione, nessuna esclusa.
Salviani inaugurerĂ  questa personale con una performance pittorica ed audiovisiva.

Antonio Salviani nato a Termoli nel 1974, vive e lavora a Milano.
Fondatore con Igor Notte e Stefania Rossi di HideCity, laboratorio collettivo di analisi urbana, che sviluppa i suoi progetti di ingadine attraverso installazioni video multimediali e interattive.

DOCUMENTAZIONE

Inviti pdf | pdf | pdf 

PRESS

Rassegna Stampa

PARTNERS